Shalom

“SHALOM, un percorso dal pregiudizio alla libertà”

 

Shalom1

Con questo progetto le classi VF e VD (a.s. 2014-15) hanno partecipato al Concorso nazionale “I giovani ricordano la Shoah”, ottenendo la menzione speciale.

Gli studenti hanno deciso di affrontare un tema delicato e sensibile come quello della Shoah attraverso un filtro apparentemente rischioso e azzardato, vale a dire proponendolo in chiave ludica. Ovviamente, si tratta di un gioco ‘didattico’, dunque utile non tanto a divertirsi, quanto ad imparare attraverso canali desueti e, proprio per questo, più accattivanti e coinvolgenti, questioni che potrebbero apparire altrimenti parti di un programma scolastico, dunque derubricate come ‘asettiche’, ridimensionate nella loro valenza educativa e nel coinvolgimento emotivo che dovrebbero sempre innescare .

Il gioco ha un chiaro intento formativo, nella misura in cui, attraverso il percorso nella Stella di David, si è chiamati a liberarci dai pregiudizi attraverso le strategie che, combattendoli, ci rendono consapevoli della loro pericolosità insegnandoci ad essere autonomi e dunque liberi.

Stella di David

Esso si compone di un percorso numerato (da 1 a 36) lungo il simbolo per eccellenza dell’oppressione nazifascista, cioè la Stella di David: le caselle gialle corrispondono alle caselle “FREEDOM”, quelle grigie alle caselle “PREJUDICE”. Ad esse saranno abbinate due serie di carte, da porre coperte in due mazzi al centro della stella: 40 carte gialle FREEDOM e 40 carte grigie PREJUDICE. Lo scopo del percorso è quello di approfondire 40 esempi di pregiudizio, eminentemente legati al nazifascismo e alla Shoah, e di cercare di scartarli attraverso altrettanti esempi di strategie e/o valori e/o figure esemplari della storia che sono icone di libertà.

Carte

Ogni partecipante (da 2 a 4) deve scegliere il colore della pedina segnaposto, che rappresenta una figura intenta a riplasmarsi nei contorni di un essere umano leggero e libero dopo essere stata ‘murata’ nella pesantezza del pregiudizio.

A inizio percorso (casella 1) ai partecipanti verranno distribuite 3 carte PREJUDICE (perché ciascuno di noi è portato ad acquisire, anche inconsapevolmente, pregiudizi, prima di imparare a difendersene). Tali carte devono essere lette e tenute scoperte da ciascuno.

Ognuno, a turno, tira il dado numerato e si sposta all’interno del percorso. Se si troverà su una casella gialla FREEDOM (che sono, evidentemente più numerose), dovrà prendere una carta gialla da cima al mazzo e leggerla: tale carta gli permetterà di scartare una carta grigia PREJUDICE (da riporre in fondo al mazzo grigio). Se si troverà su una casella grigia PREJUDICE, dovrà prelevare una carta grigia da cima al mazzo , leggerla e aggiungerla alle altre che possiede.

Carte2

All’interno del mazzo FREEDOM si trovano 6 carte jolly: esse sono contrassegnate con una lettera colorata in uno dei sei colori dei 6 simboli del pregiudizio contenuti nella Stella. Le lettere delle carte jolly, quando estratte, non dovranno essere conservate ma inserite scoperte sopra il simbolo del colore che rappresentano. Esse andranno a formare, alla fine, una volta ricoperti tutti i 6 simboli del pregiudizio nella Stella, la parola “SHALOM”.

Quando l’ultima lettera jolly sarà apposta sul tabellone e si completerà il saluto della pace, vincerà colui che ha acquisito maggior punteggio. Tale punteggio scaturirà dal calcolo sommatorio delle carte FREEDOM (+1) e delle carte PREJUDICE (-1) accumulate.

Commenti chiusi